Il Filmaccione: Taken – Io vi troverò

“Tre condizioni. Voglio indirizzo e numero di telefono della casa. Se ti sposti voglio sapere dove vai e insieme a chi stai. Chiamami appena atterri e ogni sera prima di andare a dormire.” (“Che se poi ti rapiscono mi tocca distruggere un’intera organizzazione criminale in 96 ore e domani mattina ho la partita di bocce ai giardinetti…”)

Nel 2008 Luc Besson decide che è ora di un nuovo franchise: dopo Taxi e Transporter tocca a Taken prendere il via. Protagonista del film è Liam Neeson, che dopo questa esperienza inizia a prenderci gusto e ridisegna la sua carriera in formato action-thriller.

La trama si basa sulle comuni paure e ansie di ogni genitore nei confronti della prole ormai sulla strada dell’età adulta, solo che questo genitore in particolare non è esattamente uno qualunque. Infatti Bryan Mills (Liam Neeson) è un ex agente segreto in pensione che passa il suo tempo a combattere le crisi ansiogene per la figlia adolescente. Dopo anni passati a districarsi tra minacce globali, attacchi terroristici e missioni in incognito, avere una figlia diciassettenne con tanta voglia di conoscere il modo ed emanciparsi può essere un enorme ostacolo, soprattutto per chi non desidera altro che osservare i lavori nei cantieri.

anziano
Liam Neeson all’inizio del film

Dopo poche scene iniziali, il caro Bryan si reca alla festa di compleanno della figlioletta con il suo bel regalo sottobraccio.

1.png
un pacchetto piuttosto sobrio

Qui incontra la sua ex moglie Lenore, che ora vive con un miliardario ed è affabile come un calcio sugli zebedei. Con rincorsa.

tk12.1
Famke Janssen, già Jean Grey nei vari X-Men

Nel frattempo li raggiunge anche la pargoletta Kim.

tk12.2.png
Maggie Grace, interprete di Shannon in Lost

Bryan non resiste e costringe sua figlia ad aprire il regalo: un karaoke. La ragazza ha sempre sognato di diventare una cantante.

tk12.png
la madre non riesce a crederci

Arriva anche il nuovo compagno di Lenore con il suo regalo per Kim.

tk13.png
“mi ha seguito fino a casa!”
tk14.png
“maporc#☠☹☢”
tk15.png
“pezzente”

Dopo aver vinto a mani basse il premio per il regalo più apprezzato dalla festeggiata, Stuart  va a pavoneggiarsi con il povero Bryan.

tk16.png
Xander Berkeley, il Gregory di The Walking Dead, abbonato a ruoli in cui trasuda simpatia

Bryan se ne torna a casa con la coda tra le gambe e si mette a guardare le vecchie foto di famiglia.

tk17.0.png
Che così, chi non ci fosse ancora arrivato, capisce che lui è legato alla figlia.

Ma suonano alla porta e s’interrompe questo momento onirico. Sono gli ex compagni di lavoro di Bryan, anche loro in pensione.

tk17.1.png
Dopo ce la prendiamo con le nostre di baby pensioni
tk17.2
lui non riesce a nascondere l’entusiasmo nel vederli

Comunque alla fine lo convincono a fare un pò bisboccia e lo invitano a lavorare con loro alla security di una nota cantante.

tk17.png
Sheerah, che dopo i Masters si è data alla carriera musicale

La pop-star (interpretata da Holly Valance, prossimamente su Meteore musicali) tiene il suo concerto, ma una volta terminato un sacco di gente penetra nel backstage.

tk18.png
probabilmente inviati da Hordak

Bryan non si fa prendere dal panico, ma avvezzo com’è al pericolo aiuta la cantante a fuggire.

tk19.png

Ma i colpi di scena non sono finiti, poiché nell’ombra si nasconde qualcuno con cattive intenzioni.

tk110.png
e coltello a favore di camera

L’aggressore prova a colpire Sheerah, ma se la deve vedere con il baby pensionato Bryan, che ci mostra per la prima volta le sue capacità di combattimento.

tk111.png
“Colpo della Pietà di Hokuto!”

Salvata la ragazza, viene invitato in camera da lei per ringraziarlo.

tk112.png
E gli si presenta in accappatoio

Ma proprio mentre Bryan si fa tutto un progetto mentale e si prefigura di quando lo racconterà agli amici davanti al cantiere del supermercato, lei gli smonta tutto il programmino e gli da il biglietto del suo maestro di canto, da girare a Kim.

tk113.png
Lui non la prende benissimo e l’urlo strozzato che viene da sotto l’inquadratura lo conferma

Kim convince suo padre a mandarla a Parigi con un’amica, nonostante lui in un primo momento si opponga, perché ne ha viste di cose e chissà cosa potrebbe succedere: tipo che poi la rapiscono, la drogano e la vendono in un giro internazionale di vergini. Ma le sue sono solo congetture e butta là la prima cosa che gli viene in mente, proprio come farebbe un anziano dopo un’intera puntata di Domenica In(ps). Il nulla osta per la vacanza avviene solo alle condizioni che avete letto all’inizio dell’articolo.

tk114.png
Lenore, come al solito, gli lancia sguardi di sopportazione

Arrivata a Parigi, Kim e la sua amica si fanno subito dei nuovi amici che le ospitano a casa loro. Così, per simpatia.

tk115.1.png

Ma questi “amici” appartengono a una organizzazione criminale che rapisce e vende ragazze.

tk115.png
e Kim e la sua amica non fanno eccezione

Bryan, che da bravo genitore petulante e oppressivo aveva chiamato giusto in quel momento Kim, assiste in diretta al rapimento e riesce a lanciare qualche minaccia ai criminali.

tk116.png
“adesso vengo lì e vi racconto di quando ho fatto l’esame della prostata”

 

Testardo come tutti gli anziani, Bryan decide di liberare la ragazza da solo, ma ha solo 96 ore di tempo per farlo prima che sia troppo tardi (la tratta delle bianche ha un ciclo di distribuzione molto efficiente). Appena atterrato a Parigi trova in un quarto d’ora il tizio che ha segnalato Kim e l’altra.

tk117
e gli fa un discorsetto

Ma questo non è da solo e riesce a fuggire con l’aiuto di un complice.

tk118.png
che non dura granché

Il tipo intanto fugge, ma Bryan non molla e lo insegue creando il caos in strada.

tk119.png

Terrorizzato, si lancia da un cavalcavia e atterra senza danni. Bryan ci rimane male.

tk120.png

 

Poi arriva un camion e abbiamo finalmente il primo morto del film.

tk121.png
anche perché si stava facendo tardi

Bryan prende contatto con un suo ex collega francese, Jean Claude, ora diventato un pezzo grosso, per ottenere aiuto nella ricerca.

tk122.png
lui non ha tanta voglia e lo fa pedinare

L’energica ex spia riesce a risalire al luogo dove vengono tenute le ragazze rapite e dopo aver liberato una che indossa il giubbetto di Kim, prova a portarla fuori senza farsi notare.

tk123.png
o quasi

La carica sull’auto e si da alla fuga.

tk124.png
esibendosi in un Destruction Derby
tk125.png
in cui rimpolpa il numero di feriti
tk126
e  quello di morti
tk127.png
e anche quello di roba distrutta

Dopo essersi finalmente messo in pari con quanto ci si aspetta da un Filmaccione, Bryan cura la ragazza nella speranza di avere qualche informazione utile sul destino di Kim. Dopo aver messo nel sacco il suo amicone francese che vuole levarselo di torno, raggiunge il luogo dove la gang albanese gestisce i suoi traffici e si fa passare per un funzionario corrotto che vuole una mazzetta.

tk128.png
il tipo sembra un pò confuso che un francese gli si presenta parlando in inglese
tk129.png
poi si confronta con il neurone spento dell’altro e decide di non farci troppo caso

Bryan fa le conoscenze con i capi della banda e prova a farli parlare nella speranza di riconoscere quello con cui aveva parlato durante il rapimento di Kim. Prova anche a fare il simpatico.

tk130.png
Con chi gioca il  PSG nei quarti di Champions League?

Alla fine si fa tradurre da quello sempre silenzioso un biglietto.

tk131.png
e riconosce la voce

Gli dice che come gli aveva promesso poche ore prima, è venuto a fare due chiacchiere

tk132.png
“allora: la mia prostata…”

tk133.png

Si scatena il finimondo e Bryan accoppa tutti tranne Marco da Tropoja.

Per lui ha un trattamento di favore.

tk137.png
un pò di tortura 

Lasciato Marco da solo a vedersela con i tipi dell’Enel dopo avergli sottratto il nome di chi gestisce la vendita di Kim, Bryan va a fare un saluto a casa di Jean Claude.

tk138.png
e per ingraziarselo spara alla moglie

Ottenute anche in questo caso le informazioni con la consueta gentilezza, Bryan va sul luogo dove si tiene l’asta per le ragazze.

tk139
e costringe un tizio a comprarla

Poi, però, lo catturano e sembra che ci siano poche speranze per il nostro ardimentoso pensionato.

tk140.png

Ma Bryan si libera e ammazza un pò tutti.

 

Arriva finalmente il momento di liberare la povera Kim. Bryan raggiunge il battello dove è tenuta e affronta gli sgherri del tizio arabo che l’ha acquistata.

tk146.png
questo bell’uomo qui
tk147.png
che fa questa fine qui

E così in qualche giorno, un ex spia in pensione riesce a sgominare una banda criminale albanese, distruggere un’organizzazione che tratta schiave del sesso e ammazzare un riccone arabo e tutti i suoi uomini. Però, arzillo il vecchietto! Cosa altro manca?

tk148.png
ah, certo, il lieto fine

Anzi, non è questo il lieto fine.

tk149.png
un altro pò di Holly Valance e si chiude in bellezza

18 thoughts on “Il Filmaccione: Taken – Io vi troverò

  1. I tuoi post son tutti belli, ma questi sui filmaccioni spaccano di bruto!!!!!!
    Complimenti Luca

    PS: comunque a me sto film mi è piaciuto (i sequel un po’ meno in verità…)

    Mi piace

  2. va bene sono film così ! Fatti per piacere ben sapendo dove vadano a parare: un po’ di (tanta) azione, un po’ di figa, un po’ di suspence, il lieto fine, e andiamo a casa tutti contenti. E’ la lieta illusione che ci fa contenti 🙂

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...