Ritorno al futuro e oltre

La saga cinematografica che ha segnato gli anni 80 e non solo.

Il 3 luglio del 1985 debuttava nei cinema statunitensi Ritorno al futuro, il primo film di una trilogia che avrebbe segnato la decade e visto accrescere il suo mito anche presso chi in quegli anni non c’era.

Ma il successo strepitoso del primo film e dei suoi sequel nasce (come spesso capita) da una difficile mediazione tra gli autori (Robert Zemeckis e Bob Gale) e chi avrebbe dovuto metter i soldi per rendere concreta l’idea di partenza, che si basava su un’intuizione nata per caso.

Nel 1980, curiosando tra le cose dei suoi genitori, Gale finì sull’annuario del liceo del padre e guardando quel volto familiare, ma sconosciuto, immaginò come sarebbe stato incontrare la versione giovane e adolescenziale dell’uomo che lo aveva cresciuto. Mentre ne parlava con Zemeckis, il soggetto pian piano prese forma, costruendosi attorno all’idea dei viaggi del tempo e del confronto tra la società degli anni 80 e quella degli anni 50.

zemeckis&gale.png
Bob Gale & Robert Zemeckis

Gli anni successivi furono impiegati dai due autori a fare anticamera presso gli studi di produzione, che non sembravano molto convinti da quanto proposto, anche perché all’epoca Ritorno al futuro era difficilmente inquadrabile in un genere preciso: era un film per adolescenti, uno di fantascienza o per famiglie?

Tra le critiche mosse a Ritorno al futuro da chi leggeva le varie stesure, c’era quella di non essere abbastanza sboccato come Porky’s per attrarre i ragazzi, ma neanche così rassicurante da poter essere prodotto dalla Disney (una madre che bacia un figlio faceva rabbrividire persino Macchia Nera e poi Doc Brown muore dopo venti minuti…): d’altro canto, non era neppure sofisticato come Blade Runner o Alien, veri capisaldi della fantascienza.

Zemeckis, inoltre, non aveva una buona fama a Hollywood, anche perché i suoi lavori si rivelavano spesso e volentieri dei flop colossali al botteghino (era stato assieme a Gale lo sceneggiatore del travagliato e deludente 1941: Allarme a Hollywood, la prima vera cantonata di Steven Spielberg) e i produttori non facevano certamente la fila per chiedergli un soggetto.

wildbill.jpg
Nonostante la “chiamata alle armi”di Wild Bill Kelso, 1941: Allarme a Hollywood non andò come ci si aspettava

Per sua fortuna il clone della saga di Indiana Jones (All’inseguimento della pietra verde) che girò nel 1984, si rivelò un buon successo e convinse Spielberg a dargli di nuovo fiducia e a spalleggiarlo nella realizzazione di Ritorno al futuro, storia che lo intrigava parecchio e in cui, proprio per la difficile collocazione come genere, intravedeva qualcosa di mai tentato prima.

Il progetto venne così accettato dalla Universal Pictures: la trama aveva come protagonista il diciassettenne Marty McFly, che si sarebbe trovato per caso a viaggiare nel tempo e, nel tentativo di tornare nel 1985, si sarebbe imbattuto nei suoi genitori e li avrebbe aiutati a mettersi insieme. Ad aiutarlo c’era Doc Brown, un inventore molto sui generis con cui avrebbe condiviso i vari viaggi ed esperienze lungo i tre film della saga.

I salti temporali avvenivano inizialmente con un raggio laser e, in una seconda stesura,  attraverso l’utilizzo di un frigorifero: gli autori pero’ optarono in favore dell’auto (la DeLorean del 1981), perché turbati dall’idea di  eventuali emulazioni di ragazzini che si sarebbero chiusi dentro l’elettrodomestico, rimanendone probabilmente imprigionati.

delorean.jpg
La DeLorean DMC-12, l’unico modello prodotto dalla DeLorean Motor Company nella sua breve esistenza

Michael J. Fox fu subito la prima scelta per la parte del protagonista, ma i suoi impegni con la serie Tv Casa Keaton impedirono all’attore di accettare l’offerta. Si ripiegò su Eric Stoltz, che girò per tre settimane le scene previste, ma che alla fine venne allontanato dal set perché non ritenuto adatto al personaggio (storia che ha sempre convinto poco).

ericstoltz.jpg
Eric Stoltz nei panni di Marty McFly

Fox venne richiamato in fretta e furia e convinto a recitare in orari impossibili (di notte e nel week-end), permettendogli così di continuare a partecipare a Casa Keaton. Per il ruolo di Doc Brown venne scelto Christopher Loyd, dopo che John Lithgow, James Woods, Gene Hackman e John Cleese declinarono per vari motivi l’offerta di interpretare lo strampalato genio.

docbrown.jpg
“vado matto per i viaggi ben riusciti!”

Per la musica si pensò ad Alan Silvestri (già al lavoro con Zemeckis nel precedente film), anche se bisognava convincere lo scettico Spielberg, che non era un grande estimatore del compositore. La solenne epicità che Silvestri riuscì a trasmettere con la sua musica convinse il produttore a dargli fiducia e a non dover cercare altrove.

Il debutto nelle sale decretò fin da subito il successo del film, che rimase in vetta alle classifiche statunitensi per undici settimane e incassò nel mondo circa 400 milioni di dollari in tutto.

ritornoalfuturo.gif
l’impatto del film nei cinema

Ritorno al futuro ebbe due seguiti, fino a formare una trilogia che portò i protagonisti (oltre che nel 1955) anche nel 2015 e nel 1885. I continui viaggi nel tempo di Doc Brown e Marty resero la coppia una delle più iconiche del cinema, venendo citata in molti show e riuscendo ad ottenere anche qualcosa di più di una parodia.

doc&marty.jpg
Rick & Morty: applausi a scena aperta

Inoltre la saga si affermò come una fucina di scene e situazioni che segnarono l’immaginario collettivo: tra le tante l’assolo di chitarra di Marty durante il primo episodio è probabilmente quella più famosa, anche se Zemeckis rimase in dubbio fino alla fine se tagliarla o meno.

Ritorno al futuro riuscì a migliorare il concetto di mainstream e diede a Hollywood la possibilità di imporsi ancora una volta come la migliore industria d’intrattenimento. Non  male per un soggetto che sembrava non avesse…futuro.

16 thoughts on “Ritorno al futuro e oltre

  1. Ritorno al futuro è una delle mie saghe preferite, lo conosco quasi a memoria (anche grazie agli infiniti passaggi televisivi). Un film divertente che intrattiene davvero. A volte alcuni passaggi scricchiolano leggermente, ma alla fin fine chi se ne importa! Un cult come oggi non ne nascono più.

    Mi piace

  2. Mi piacciono questi tuoi post sui capolavori cinematografici, perché ti soffermi molto su tutti i possibili attori (o comunque artisti) che avrebbero potuto prendervi parte: così facendo ci fai capire che in molti casi c’è mancato davvero poco perché il film perdesse uno dei suoi pilastri (sarebbe bastato che uno degli attori chiamati prima accettasse), e quindi perché il capolavoro non fosse più tale.
    Dato che questo è successo diverse volte, mi viene da pensare: sarà così per tutti i film? Magari nel 100% dei casi una sceneggiatura o una parte rimbalzano di artista in artista come una pallina da flipper, finché alla fine non si trova faticosamente la quadratura del cerchio. Con la differenza che quando ne viene fuori un capolavoro i rifiuti vengono ampiamente pubblicizzati, quando invece il film ha un successo medio – basso nessuno si informa su chi l’ha snobbato.

    Mi piace

    1. Infatti hai centrato un aspetto che mi affascina molto nella stesura di questi articoli: come sarebbe andata se ci fosse stato un attore diverso o un regista diverso? I what if mi hanno sempre entusiasmato.

      Mi piace

      1. Nel caso dei capolavori la risposta è fin troppo scontata: è ovvio che sarebbe bastato sostituire una sola tessera del mosaico, e già il risultato finale sarebbe stato completamente diverso. Il gioco diventerebbe ancora più intrigante se tu prendessi in esame dei film di livello inferiore o addirittura infimo: il film sarebbe stato migliore o salvabile, se l’attore contattato in precedenza avesse accettato la parte? Chissà…
        Ti faccio una domanda indiscreta, alla quale sei libero di non rispondermi: ma dove le prendi tutte queste informazioni sugli attori che hanno rifiutato le parti? Esiste un sito apposito?

        Mi piace

  3. Personalmente non mi ha mai fatto impazzire come film. L’ultima volta l’avrò visto da ragazzino, cioè un dodici anni fa circa. È bello, però, conoscere il travaglio per venire alla luce di certe opere ormai famose sapendo già che si sono rivelate un successo.
    Spesso mi ritrovo a fare ricerche simili su Wikipedia e rimango sorpreso di quanti successi cinematografici e televisivi all’inizio sono stati giudicati con diffidenza o aspramente criticati.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...