I Baltimora e il pop anni ottanta di Tarzan Boy

25/02/2017 2 Di Luca Divelti

Gli anni 80 sono stati anche (e soprattutto) questo: canzoni pop innocue e rapide ad attraversare le nostre orecchie senza lasciare un gran ricordo. Tarzan Boy dei Baltimora, invece, ha avuto in sorte non solo di sopravvivere a quel decennio, ma di diventarne anzi uno dei simboli musicali più riconoscibili.

I Baltimora nascono da un’intuizione del  produttore e musicista Maurizio Bassi, che a metà del decennio sceglie Jimmy McShane come front-man del gruppo.

Sembra che i pezzi dei Baltimora fossero registrati con la voce di Bassi, poiché, secondo i soliti ben informati , McShane non era capace di sostenere l’incombenza vocale assegnatagli e si limitò a rappresentare il volto del gruppo nei video e a cantare in playback durante le apparizioni pubbliche.

Comunque sia andata, Tarzan Boy permise loro di conquistare le classifiche e di restare per mesi in quella americana, da sempre la più difficile e ambita. L’album Living In The Background, che conteneva appunto l’unica hit del gruppo, non abbandonò per tutto il 1985 i piazzamenti più alti nelle vendite, permettendo loro una visibilità notevole, ma anche piuttosto fine a sé stessa.

baltimora

Il successo dei Baltimora rimase circoscritto a Tarzan Boy, nonostante qualche altro tentativo di rilancio negli anni successivi. Terminata l’esperienza del gruppo Maurizio Bassi proseguì la sua carriera musicale, collaborando con vari artisti, mentre il volto dei Baltimora non ebbe molta fortuna: nel 1995 Jimmy McShane muore dopo aver contratto l’AIDS.

Tarzan Boy è tutt’ora uno dei pezzi più famosi della dance anni 80, venendo spesso utilizzato nei film e nelle pubblicità.