Dieci copertine brutte (4ª puntata)

Dieci copertine brutte (4ª puntata)

07/02/2017 4 Di Luca Divelti

Un’altra puntata della rubrica che non conosce pudore, né lo esercita.

In questo nuovo appuntamento di Dieci copertine brutte partiamo subito con i sobri Istant Funk.

istant

The Funk Is On

Una copertina con nove tizi nudi e abbracciati in mezzo a un bosco basterebbe già a porli nella rubrica (se vogliamo sorvolare sui capelli). Ma lo sguardo allucinato di quello in alto a destra, probabilmente resosi conto all’ultimo secondo della sempiterna gogna a cui si esponeva, fa guadagnare loro l’immagine di copertina di oggi.

heino5

Hey Capello

Il solito Heino, invece, si mette davanti a un’aia e dedica un pezzo all’ex allenatore di tante squadre con la speranza che prenda le redini del suo amato Fortuna Dusseldorf.

millie-jackson-royal-rapins

Royal rappin’s

Ma veniamo alla vera protagonista di questa puntata: Millie Jackson, cantante che ci teneva particolarmente alla raffinatezza dei suoi dischi. Qui assieme a quel marpione di Isaac Hayes e a un inutile sfoggio di brillantini.

esp

E.S.P. (Extra Sexual Persuasion)

Su questa copertina, invece, Millie, ci mostra le sue doti di chiaroveggente leggendo le sfere le bocce la palla di cristallo.

ihadtosayit

I had to say it

Qui la troviamo inseguita da una folla esagitata armata di bottiglie e panini (don’t ask).

for-men-only

For men only

In quest’altra copertina la troviamo disponibile a un progetto di vita all’insegna della moderazione e monogamia (notare il tipo con il casco).

feelinb

Feelin Bitchy (che te lo dico a fare)

Da leccarsi i baffi.

back2the

Back To The Shit (un disco promettente fin dal titolo)

Quando la natura chiama…

turd

Greatest (s)Hits

…Turd Helmet risponde.

naomi-campbell

Babywoman

Come rovinare uno dei sogni erotici degli anni 90.

Alla prossima!