Pink Floyd: Animals

Pink Floyd: Animals

15/02/2017 20 Di Luca Divelti

La Re(tro)censione di Animals.

Nel gennaio del 1977 i Pink Floyd davano alle stampe Animals, successore di Wish You Were Here e The Dark Side Of The Moon. La situazione del gruppo all’epoca, nonostante i grandiosi successi degli album precedenti, non era delle più felici. Gli attacchi continui e insolenti da parte degli esponenti del movimento Punk aveano intaccato la sicurezza e la tranquillità dei componenti del gruppo, che si sentivano oltraggiati e non capivano il perché venissero insultati come “dinosauri del rock”.

ihatepf.jpg

Inoltre le registrazioni del disco rivelarono agli altri membri del gruppo (più di quanto loro non volessero ammettere) l’ormai definitiva acquisizione  di un ruolo centrale e preponderante da parte di Roger Waters, che non si accontentava più del ruolo di coautore e di primus inter pares.

Il successivo The Wall (come abbiamo già detto qui) sarebbe stato il primo vero disco di Roger Waters e dei Pink Floyd, con i componenti del gruppo superstiti (Rick Wright fu licenziato dal bassista) limitati a supporting cast.

Animals è quindi da considerarsi per tanti versi come l’ultimo “vero” album dei Pink Floyd in regime di semi-democrazia, vedendo tutti i vari membri della band coinvolti nella sua realizzazione e con Wright che proporrà forse il suo miglior contributo in un’opera del gruppo. Infatti Animals si fonda ancora sulle capacità musicali dei suoi due maggiori musicisti (Gilmour e appunto Wright), che permettono grazie anche alle ispirate liriche di Waters di portare la qualità del disco alla stessa altezza del maiale Algie della copertina.

algie

Algie durante il tour di The Wall.

The Dark Side Of The Moon era stato il disco che analizzava la condizione umana e i suoi tanti risvolti legati al consumismo, alla malattia, alla superficialità e alla morte;  Wish You Were Here si basava sull’assenza di unità nel gruppo e su quella di Syd Barrett, oltre a lanciare tremende invettive verso il mondo discografico (quest’ultimo tema presente anche in Burattino Senza Fili, quindi evidentemente caro a molti artisti);  Animals, invece, trae ispirazione da La fattoria degli animali di George Orwerll e si compone di due brevi canzoni che aprono e chiudono il disco inframmezzate da tre lunghi brani: rappresenta forse il lavoro più politico del gruppo, in cui si raffigura una società umana avvilente.

La voce e la chitarra acustica di Waters appaiono in Pigs On The Wing (PT. 1), in cui il bassista si abbandona a una brevissima e intensa canzone d’amore, interrotta da Dogs, brano di quasi venti minuti: in origine si chiamava Gotta Be Crazy e sembra dovesse far parte di Wish You Were Here, ma la sua mancata inclusione permise il riutilizzo con nuove liriche adattate al tema dell’album. Dogs mostra la prima delle tre razze sociali descritte da Waters, concentrandosi sui detentori del potere (“i cani”) e soprattutto su coloro che sono pronti a tutto pur di arrivare a gestirlo. Uno dei migliori assoli di Gilmour caratterizza questo intenso brano in cui il chitarrista si alterna all voce con Waters. Pigs, altra lunga canzone di oltre dieci minuti, fa riemergere il Waters più polemico e “contro”, che attacca la politica inglese e tutte le sue storture, tali da rendere i suoi protagonisti dei veri “maiali”. Sheep, altro brano scartato da Wish You were Here e in origine intitolato Raving And Drooling, mostra un Wright alle tastiere in grandissima forma: Waters scrive un impietoso testo sulle debolezze che frenano la gente comune, rendendola simile a un gregge di “pecore” impaurite e sottomesse. Pigs On The Wing (Pt. 2) chiude il disco, riportando con la chitarra di Waters un pò di serenità nello scenario descritto: di fronte a questa società disumanizzata e feroce, l’unica via di salvezza che ci suggerisce per sé e per tutti noi è quella di trovare qualcuno da amare e che ci ami, con cui rifugiarsi ed escludere non solo l’ingerenza di politici e arrivisti, ma anche la deprimente presenza di vigliacchi e voltagabbana.

Animals è un album ancora notevolmente attuale, pieno di musiche ispirate e arrangiamenti felici, su cui Waters, sempre meno disposto ai compromessi richiesti per stare nella band più popolare del pianeta, racconta la sua visione bestiale degli uomini. Durante il tour successivo avrà il famoso incidente dello sputo, in cui sfogherà tutta la sua frustrazione nei confronti di un ragazzo presente, macchiandosi di un gesto dispregiativo indegno di lui: l’analisi che farà di questo episodio e di gran parte della sua infanzia lo porterà a scrivere il monumentale The Wall.

Il sollievo finale nel testo di Pigs On The Wing (Pt. 2) non sarà che momentaneo per l’irascibile bassista, mentre resta invece un piccolo messaggio di speranza all’interno di un album considerato minore, ma in realtà da riscoprire.

I Social