outoftime

Out Of Time: la definitiva svolta dei R.E.M.

Out Of Time ha portato alla definitiva consacrazione la band di Athens e ha permesso a Michael Stipe e compagni di entrare nell’esclusivo gruppo delle superstar del rock.

Il 12 marzo del 1991 arrivo’ finalmente per i R.E.M. il secondo album previsto dal contratto con la Warner: le aspettative dopo il buon andamento di Green, il primo disco sotto l’insegna di una major, erano alte, ma non eccessive.

In fondo i R.E.M. erano la band “Alternative Rock” per eccellenza degli anni 80, ma il successo planetario non era di certo contemplato nei piani alti dei discografici, anche se di certo gradito.

out of time
I R.E.M. nel 1991.

prima di Out Of Time

Il settimo album realizzato in studio dal gruppo nasceva soprattutto per consolidare e accrescere la fanbase di Stipe, Mills, Buck & Berry, con la neanche malcelata speranza di entrare finalmente nel salotto buono del rock, dove potenzialmente avevano tutti i numeri per stare.

out of time
Ci stringiamo un pò.

L’intenzione del gruppo (soprattutto di Stipe) era quella di realizzare un disco pop-folk in cui ci si concentrasse maggiormente su argomenti personali e introspettivi, proseguendo il discorso musicale intrapreso in Green, ma discostandosi del tutto dai temi politici affrontati (qualcuno ha detto World Leader Pretend?), puntando con decisione a qualche copia venduta in più senza curarsi troppo di scontentare i critici.

I R.E.M. volevano la loro fetta della torta delle classifiche: questa era la loro missione e si concentrarono per ottenere il massimo risultato con Out Of Time.

Il disco della svolta

In Out Of Time si trovano varie partecipazioni di altri artisti, come KRS-One nel simil-funk di Radio Song e Katie Pierson dei B- 52s nella loro canzone più pop Shiny Happy People, che mostravano il differente approccio dei R.E.M. alla musica e una loro maggiore maturità acquisita dopo anni nei circuiti indipendenti.

Altri pezzi da segnalare sono la raggiante Near Wild Heaven, la struggente ed evocativa ballata Country Feedback, la riflessiva Low e la strumentale Endgame. Ma la gemma che si staglia su tutte le altre canzoni è senza dubbio il brano che diventerà la canzone più conoscita dei R.E.M.: Losing My Religion.

1

Di certo la riuscita di Losing My Religion lasciò stupiti molti, forse per primi gli stessi R.E.M., che non si aspettavano di piazzare una hit così clamorosa, basata su un giro di mandolino e priva persino di un ritornello.

I tipi della Warner fecero pressioni perché il pezzo non fosse il primo singolo pubblicato, quello su cui, di solito, si basa il successo o meno di un album. Le lunghe discussioni con l’entourage della band si conclusero con un nulla di fatto, lasciando al brano, pubblicato il 19 febbraio, il compito di apripista per l’imminente album.

Il successo della canzone, dovuto anche al video che ricevette vari premi, fu clamoroso, arrivando a dare uno slancio impressionante a Out Of Time. Lo stesso Mills dirà anni dopo che, senza Losing My Religion, probabilmente l’album non avrebbe superato le due o tre milioni di copie, attestandosi sui numeri previsti un po’ da tutti.

Ma i numeri si sarebbero rivelati ben superiori, con oltre 10 milioni di copie vendute, sbancando ogni classifica: un esito inimmaginabile.

out of time
Stipe sta ancora ballando.

Il secondo singolo pubblicato fu Shiny Happy People, anch’esso accompagnato da un video che confermò la bontà commerciale del disco. La decisione di non affrontare alcun tour promozionale fu categorica, spiazzando ancora una volta i discografici e i fan.

La definitiva consacrazione

Out of Time non è sicuramente il miglior lavoro dei R.E.M. (definizione che appartiene ad Automatic For The People, la cui unica colpa è quella di non avere un singolo forte come Losing My Religion), ma è probabilmente il più popolare e di certo il più venduto.

La definitiva consacrazione che ne seguì grazie all’album, permise al gruppo di entrare in quel salotto buono di cui si diceva poco fa e di imporsi come assoluto protagonista delle classifiche negli anni a venire. La missione era compiuta.

Published by

Luca Divelti

Scrivo di musica, film, sport, fumetti e di tante cose ritenute a volte inutili, che però riempiono la vita e aiutano a vivere meglio. Se è così, forse tanto inutili non saranno...

4 thoughts on “Out Of Time: la definitiva svolta dei R.E.M.

  1. Si, è l’album che fa da ponte per conoscere i R. E. M.

    Pensa che li sto riascoltando propio ora, così senza un perché

    1. Due album che meritano di essere ripresi e che assieme a automatic for the people, monster e new adventures in hi-fi sono il meglio della maturità dei Rem.

Rispondi

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.